#118 – Il valore del silenzio (e della scrittura)

Il silenzio è la dimensione più importante della nostra emotività.
Senza silenzio, non c’è relazione.
Senza relazione, non c’è emozione.
Senza emozione, non c’è vita, né umanità

Il silenzio è buono anche per la riflessione, naturalmente.
Difficilmente si riesce a ragionare senza silenzio.
Il silenzio ha una dimensione spaziale, non temporale.
Crea uno spazio dove depositare sensazioni, intrecciare idee, offrire soluzioni.

Comunicare è importante, certo.
Comunicare sempre e comunque, pure.
Ma non sempre va bene.

RELATED > #116 – Scrivere è per inguaribili romantici

C’è una sola forma di comunicazione umana che rispetta i silenzi: la scrittura.
Perché quando leggi o scrivi, i silenzi propri e altrui sono rispettati.
Forse è anche per questo che quando una persona si affeziona ad una parola scritta, quell’affetto resiste con più consistenza al tempo.
Perché quelle parole sono entrate nel cuore in silenzio.
E rimangono per molto tempo.

Site Footer