#130 – Commozione

Vorrei che non fosse così, ma ciò che più mi commuove sono le parole. Chissà perché.
E quando mi arrivano alcuni messaggi con parole di ringraziamento per ciò che scrivo o che faccio, se succede che vanno a cogliere le motivazioni profonde dei motivi per cui faccio quel che faccio, l’emozione diventa fortissima.
“Le parole preparano l’anima, la rendono pronta e la commuovono fino alla tenerezza” dicevano, ed è così.
E forse, guardandomi intorno, di parole messe lì per intenerire ce n’è bisogno in mezzo a tante parole che vogliono emozionare semplicemente per vendere, per creare un’esperienza, per colpire e darci l’illusione di essere unici e speciali.
Non è che l’abbia con chi vuole vendere o che lo trovi sbagliato.
Solo che arriva una certa età in cui cominci a sentire il bisogno di autenticità, di sincerità, di tutte le cose minuscole e grandissime che si muovono dietro ad un Grazie detto col cuore.