#154 – Ora Amazon vende anche i medicinali

La notizia è uscita da qualche giorno: Amazon venderà anche i medicinali.
Va commentata?
Io mi chiedo cosa racconteremo ai nostri figli quando ci chiederanno dove eravamo mentre stavano costruendo la più grande dittatura di tutti i tempi con sistemi di controllo integrati ai nostri corpi.

Eravamo qui a inseguire il prezzo più basso, ecco dove eravamo.
Eravamo qui a fare palestra e a monitorare i nostri corpi, ecco dove eravamo.
In nome di cosa?
Del piacere a qualcun’altro.
Del sembrare attraenti.

Sto scrivendo un romanzo che racconta di tutto questo, di “dove eravamo”. E non è un romanzo distopico alla Dave Eggers, per intenderci. Ha un approccio diverso. Per certi versi, alla Foster Wallace, ma senza ironia.
Nelle disfide tra “apocalittici e integrati” non ho mai amato polarizzare le mie opinioni. Né di qua, né di là. Di assoluti vivono i dittatori e gli schiavi, e io non vorrei mai essere né l’uno, né l’altro.
Già, cosa racconteremo ai nostri figli quando ci chiederanno dove eravamo?
Magari eravamo in vacanza, magari ci stavamo facendo un tatuaggio, magari stavamo facendo qualche selfie con il nostro cagnolino.
Io ero lì, disintegrato e assente, a scrivere.

Ogni tanto mi racconto tutto questo nei miei pensieri immaginari.
La verità è che nessuno mai chiederà niente del genere.
Saremo tutti felici e integrati.
E i giovani, ancor di più.
Il problema è solo mio.