#174 | B-Talks: il sorriso di Alessandro Fancellu

Mi ha divertito fare la seconda B-Talk (“B” sta per BICITV, “Talk” per chiacchierata) della stagione chiacchierando nella Live su Instagram con Alessandro Fancellu. Non conoscevo minimamente questo ragazzo e si può dire che sia stata quasi la prima volta in cui ci abbia parlato per più di cinque minuti. Ciò che mi ha maggiormente non colpito è stato il suo sorriso. Sono poche le persone che sorridono sia con la bocca che con gli occhi. Lui sorride anche con gli occhi.
Il ciclismo ha bisogno di atleti felici.
L’esperimento di queste B-Talks è sempre più intrigante. Spesso i social vengono criticati perché non ti permettono di vivere “la vita reale” che è al di fuori dello schermo di un telefonino. Certo, è vero. Ma è altrettanto vero che i social possono essere un punto di partenza “virtuale” per fare poi una conoscenza “reale” nel mondo fisico offline.
Ecco, mi piacerebbe utilizzare questa linea per il lavoro su Instagram di BICITV.
Usare le Stories come “punto di partenza” per un incontro nel mondo reale e come strumento per imparare qualcosa.
Ad esempio da Alessandro ho imparato (sembra una banalità, ma non lo è) che “c’è sempre da imparare”, come ha detto. E, ciclisticamente parlando, mi ha fatto notato la grandezza di alcuni ciclisti non per la vittoria in sé, quanto per la capacità di gestirsi nelle giornate No.
Imparare. Incontrare. E poi eventualmente migliorare le cose intorno per far sì che si possa di più amare e voler bene a questo sport e alle persone che lo animano.
A meno di imprevisti le prossime B-Talks saranno con Andrea Bagioli ed Alessandro Covi. Vedremo se pian piano saprò migliorare lo stile di queste chiacchierate per renderle più frizzanti e piacevoli sia per chi è on line con me, sia per chi spende qualche minuto del suo tempo per ascoltarle.