#182 | Grazie Bergamo

Sabato scorso sono stato alla festa provinciale F.C.I. di Bergamo ed è stata molto bella.
Alcuni momenti sono stati fantastici (sicuramente il momento più commovente è stato quando Martina Fidanza ha regalato i propri trofei agli atleti diversamente abili della Valcavallina Sport.
Una grande idea quella del comitato provinciale bergamasco, ovvero quella di aprire 14 manifestazioni giovanissimi a tesserati con disabilità intellettiva e relazionale. E sono felice che un’iniziativa eticamente così importante sia stata promossa dalla mia terra.
Sono un emotivo.
Ho deciso in quell’istante che l’anno prossimo farò qualcosa per la F.C.I. Bergamo. Per carità, niente che riguardi la “politica” del ciclismo, ma semplicemente quest’oggi mi sono presentato in comitato e mi sono reso disponibile come volontario per la festa F.C.I. di Bergamo dell’anno prossimo.
Perché guardando quei ragazzi diversamente abili ho sentito che è arrivato un punto della mia vita in cui devo dare qualcosa alla terra in cui vivo. E sono stato felice che Claudio Mologni, Michele Gamba, Basilio Busetti, Antonio Torri, Aldo Epis e Pierangelo Davini mi abbiano accolto con gioia questa sera.
Non so esattamente cosa e quanto farò. La lezione che ho imparato oggi è che può essere anche qualcosa di piccolissimo, ma che deve essere fatto col cuore. Che poi alla fine sono le tante cose piccolissime fatte col cuore che ti fanno andare a dormire felice la sera, nonostante vivere – talvolta – sembri essere così tremendamente pieno di problemi.

Site Footer