#295 | Cosa mi ha colpito di Vittoria Guazzini

Mentre lavoravo alla scrittura del comunicato stampa Valcar – Travel & Service per la vittoria di Elisa Balsamo, mi è capitata sottomano una fotografia che ritraeva Vittoria Guazzini.
Mi ha rapito, mi sono fermato di lavorare e sono rimasto lì a guardarla per un minuto.
Ne sono rimasto colpito.
Era un primo piano con lei letteralmente in lacrime per la vittoria della compagna di squadra.
Lei è una che dominerà le scene del ciclismo mondiale, questo il mio (facile) pronostico.
Eppure eccola lì, in lacrime per la compagna.
Mi sono detto che di brave ragazze che eseguono il ‘lavoro di squadra’ ce ne sono tante, ma quella foto sembra dire che Vittoria ha qualcosa in più.
Lei esegue il lavoro di squadra non solo perché ‘deve’ ma perché lo ‘sente’.
Questo è quanto fa innamorare la gente.
Questo è ciò che ispira i giovani atleti.
Non solo le gambe, ma anche il cuore.
Questo è ciò che mi ha colpito di Vittoria.
E mi ha insegnato che anche il mio, di lavoro, va vissuto con lo stesso spirito: gioire per i compagni di squadra, amare ciò che fai e lavorare bene per amore del ciclismo.

Site Footer