#309 | Perché non ti ribelli? (War in the Mind)

Appartengo ad una generazione la cui maggioranza non ha fatto rivoluzioni e la cui minoranza ha fatto rivoluzioni immaginarie.

Io non ho mai sopportato lo status quo e non ho mai sopportato l’essere convenzionale.
E trovavo l’apparire convenzionale come il modo migliore per essere un vero ribelle in un mondo in cui la ribellione era stata comprata e inglobata dal mercato.

Ah, il mercato! Beati i tempi in cui qualcuno ancora soffriva la volgarità del mercimonio di cose e di idee.
Oggi i ragazzi vogliono essere pagati per essere influencers, tutti vogliono fare pubblicità.

Io me ne andavo in giro pieno di rabbia e di disillusione con gli auricolari e Lauryn Hill nelle orecchie.
Sei di sinistra, Valerio? No.
Sei di destra, Valerio? Nemmeno.
È che tutto appariva storto, stortissimo, e la rabbia immaginaria montava.

Why don’t you rebel? Why don’t you rebel?

È perchè mi è sempre mancato il coraggio, Lauryn. E che poi un po’ ci si prova. A cambiare le cose. In piccolo.

Magra consolazione?