#36 – Le poche parole della gratitudine

Le cose brutte si riescono a spiegare bene, perché nel dizionario italiano ci sono moltissime parole che sanno dare sfumature sottili e precise degli stati d’animo tristi.
Non è così per gli stati d’animo non tristi, chissà perché.
Ad esempio, a giornata conclusa, mi viene da dire “Grazie” per tante cose. 
Vorrei sapere dire di più della semplice parola “Grazie”.
Per anni questo mi infastidiva.
L’ho capito solo molto dopo.
Che quando c’è una cosa bella, non hai tempo per le parole.
Devi dire Grazie, e in fretta, perché c’è da tornare a viverla in fretta, quella cosa bella.
Quella cosa bella per cui puoi dire solo “Grazie”.

Leave a reply:

Your email address will not be published.